L’ictus è la terza causa di morte nei paesi occidentali e la prima causa di invalidità permanente.
Il riconoscimento precoce dei sintomi e le attuali terapie permettono oggi di considerarla una patologia finalmente curabile, consentendo quindi di migliorare la prognosi in termini di sopravvivenza e qualità di vita.
Il 2° in contro di Neuroradiologia interventistica a Palermo, ad un anno esatto di distanza dal primo, ha l’intento di ribadire i concetti diagnostico-terapeutici in considerazione delle nuove terapie endovascolari dell’ictus ischemico e sui percorsi in ambito riabilitativo.
Saranno attenzionate le patologie neurovascolari anche in ambito pediatrico ed il vasospasmo nell’emorragia subaracnoidea.
Il confronto con le varie realtà ed esperienze nazionali ed internazionali ha l’intento di offrire nuovi spunti di interesse e di crescita collettiva.