Le Neuroscienze tornano protagoniste a Ragusa. A soli tre anni dal Congresso
regionale SNO del 2015 tenuto nel capoluogo ibleo, la Società dei
Neurologi Ospedalieri affronta una nuova sfida. In questi ultimi anni, infatti,
si è avuto un rinnovato interesse attorno alle Neuroscienze, grazie
alle nuove metodiche, alle nuove terapie, alle nuove sfide che queste si
pongono in ambiti differenti. L’importanza delle reti tempo-correlate è ormai
chiara a tutti gli operatori sanitari, così come la necessità di fornire
una risposta efficace ed efficiente al bisogno di salute. Il Dna della SNO è
multidisciplinare: Neurologi, Neurochirurghi e Neuroradiologi convivono e
si confrontano nell’ottica di una collaborazione tesa al migliorare, sempre
più, l’efficienza del sistema. Il nuovo Congresso che si terrà a Ragusa si
articolerà in quattro sessioni: la prima sessione dedicata all’ epilessia nella
quale saranno affrontati i problemi diagnostici e terapeutici più attuali;
la seconda sessione sarà dedicata allo Stroke e verranno affrontate alcune
delle questioni ancora aperte ed oggetto di confronto tra gli specialisti
del settore. Il focus neurochirurgico sarà sui traumi vertebrali, cui sarà indirizzata
la terza sessione, un update sugli aspetti diagnostici, terapeutici
e riabilitativi. La quarta sessione sarà dedicata alla sclerosi multipla con
un occhio particolare ai nuovi criteri diagnostici ed alle nuove terapie.
Un ringraziamento al Consiglio Direttivo della SNO regionale che mi ha
onorato affidandomi l’organizzazione di questo evento ed un ringraziamento
particolare ai Coordinatori delle sessioni: Jole Bongiorno (SM), Maurizio Elia (Epilessia), Maria Pia Pappalardo (neurochirurgia/neuroradiologia), che hanno accettato la sfida dell’organizzazione.