INVECCHIARE TRA FORMAZIONE E INFORMAZIONE

La Geriatria, oggigiorno, sta inclinando ad ambiti sempre più complessi e solo in apparenza supererogatori rispetto ai curricula dei singoli specialisti; man mano che le nostre conoscenze in ambito scientifico si allargano, ci troviamo difronte ad interrogativi di carattere etico, ad affrontare problematiche non soltanto cliniche ma anche sociali e psicologiche di non agevole soluzione: ciò richiede mente aperta e scevra di pregiudizi ed una conoscenza esatta del concetto di fragilità, che è quello che maggiormente caratterizza ed integra tutte le potenzialità della nostra disciplina. L’invecchiamento, nel nostro secolo, richiede da parte dei professionisti della salute un livello non banale di formazione e la capacità di trasmettere informazioni in maniera efficace alla popolazione che invecchia e ai prestatori di cura.
Questo convegno si pone, pertanto, l’ambizioso obiettivo di trasmettere alcune delle conoscenze base per affrontare le sfide poste dalla medicina del nuovo millennio e vuole rappresentare un sostanziale avant – goût per tutti coloro, medici, paramedici o persone comunque coinvolte nel processo di cura che intendano approfondire gli affascinanti settori delineanti le odierne frontiere della medicina, ormai al limite tra scienza, bioetica ed approfondimento di questioni sociali e psicologiche. Gli argomenti che saranno oggetto del convegno riguarderanno la Riforma sanitaria, la Rete dei Servizi per l’Anziano, la Nutraceutica, aspetti endocrinologici e neurosensoriali dell’invecchiamento ed una discussione su “i nuovi vecchi”, ovvero le categorie di soggetti che un tempo non giungevano all’età matura e che possono pervenirvi oggi grazie alle nuove tecnologie disponibili e gli anziani cui attualmente si guarda con occhi nuovi per il modificarsi nel tempo di fattori culturali.