Il filo conduttore del Congresso vuole essere “l’interattività multidisciplinare” intesa come interscambio comunicativo che consenta ai professionisti di agire l’uno in correlazione con gli altri, sulla base di scelte e decisioni condivise. Il flusso comunicativo costante si propone per il superamento delle eventuali contrapposizioni fra cultori dei diversi campi delle Neuroscienze, consapevoli del fatto che le resistenze umane alla realizzazione di Reti efficienti, potrebbero essere, quasi per assurdo, un limite superiore a quello dato dal mancato adeguamento tecnologico e da modelli organizzativi non ancora rodati.
La necessità dell’organizzazione di Reti inter-ospedaliere, inter-aziendali, inter-territoriali per ottimizzare l’utilizzo delle tecnologie e delle competenze specialistiche, si vuole considerare un’opportunità piuttosto che il compromesso dettato dall’esigenza di creare una Sanità sostenibile; d’altro canto la spinta alla centralizzazione delle patologie complesse è sostenuta dalle evidenze dei diversi risultati dei Centri in funzione dei volumi di attività. La proposta di modelli organizzativi efficaci ed efficienti dovrebbe tener conto delle diversità territoriali non per adeguare i modelli alle stesse ma per tentare di superarne i limiti, con il fine ultimo di garantire l’equità di cura in tutto il territorio nazionale.
Desideriamo ancora porre l’accento sulla fondamentale importanza dell’approccio multidisciplinare nelle Neuroscienze, convinti che la presa in carico della persona malata debba avvenire secondo percorsi validati e condivisi, supportati dall’integrazione delle diverse competenze e responsabilità professionali, basati su evidenze di qualità e nel rispetto della centralità del paziente.
Sottolineiamo la necessità che le conoscenze siano sempre al passo con le costanti innovazioni in ambito diagnostico e terapeutico, con uno sguardo particolare riservato alla formazione professionale che in qualsiasi ambito consenta di assicurare la continuità delle cure e il miglioramento della qualità delle stesse.
Il Congresso sarà articolato con sessioni plenarie caratterizzate dalla multidisciplinarietà e con sessioni parallele centrate su temi specifici per specialità, in modo da dare a tutti i partecipanti l’opportunità di discutere dei diversi argomenti, attraverso un approccio che concili le conoscenze scientifiche con gli aspetti organizzativi e gestionali dei percorsi di diagnosi e cura.
Ringraziamo sin d’ora tutti i partecipanti che contribuiranno con le loro conoscenze e con l’attiva collaborazione alla buona riuscita del Congresso e altrettanto ringraziamo gli sponsor che ci affiancano nella realizzazione di questa importante occasione di crescita professionale.

Per aggiornamenti e gallerie multimediali collegarsi al sito http://sno2018.snoitalia.org/